Internazionale a Ferrara 2016

settembre 26, 2016
Internazionale a Ferrara 2016

                            

Da Venerdì 30 Settembre a Domenica 2 Ottobre, torna Internazionale a Ferrara, il festival del giornalismo organizzato dalla rivista Internazionale.
Con giornalisti italiani ed esteri, si parlerà di informazione, attualità, economia, letteratura e fotografia: nell’agenda dell’edizione 2016, 240 ospiti, 31 Paesi, 60 testate giornalistiche e 120 incontri.
Tra le tante personalità di spicco del mondo del giornalismo e della cultura, saranno presenti Corrado Formigli, Gad Lerner, Moni Ovadia, Tullio De Mauro, Marco Mancassola, Alessio Jacona, David Randall, David Rieff, Luca Sofri, Daria Bignardi, Giampiero Gramaglia, Loris De Filippi, Jonathan Freedland, John Hooper e Dan Savage.
Nelle varie location del festival, avranno luogo dibattiti, conferenze, workshop e una cospicua serie di eventi artistici.
Tra i più significativi momenti del Festival, da segnalare l’incontro con Hossam Bahgat, giornalista e attivista egiziano che riceverà il Premio Anna Politkovskaja alla presenza dei genitori di Giulio Regeni.
Anche quest’anno, Internazionale a Ferrara, manifestazione giunta alla decima edizione, trasformerà la città estense in una grande newsroom capace di richiamare migliaia di appassionati di media e cultura.

Programma Internazionale a Ferrara 2016

Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it

Annunci

Internazionale a Ferrara 2015

settembre 23, 2015

INTERNAZIONALE A FERRARA 2015

Dal 2 al 4 Ottobre, torna Internazionale a Ferrara, il festival di giornalismo organizzato dal settimanale Internazionale.

Giunto alla sua nona edizione, il programma del festival prevede una cospicua serie di incontri, dibattiti, spettacoli e proiezioni con grandi ospiti provenienti da tutto il mondo.

Filo conduttore di questa edizione il tema delle nuove frontiere. Nuove frontiere intese in senso geografico, il Mediterraneo crudele attraversato dai migranti in cerca di orizzonti europei, ma anche le coste australiane, nuova terra di speranza per i popoli afghani, oltre ai confini di fili spinati dismessi tra Cuba e Stati Uniti. Ma le frontiere non sono solo fisiche, riguardano anche il modo di intendere i diritti, le libertà collettive e individuali, sono uno strumento per confrontarsi con l’ignoto. E in questo senso è imperdibile l’evento di chiusura del festival che vedrà Adriano Sofri e Zerocalcare per la prima volta insieme. Due mondi apparentemente diversi, due latitudini distanti, non solo in senso anagrafico, accomunate da una curiosità senza confini per quello che accade nel mondo e per le persone.

E come per ogni edizione, sono tanti gli appuntamenti da non perdere e i temi da seguire con attenzione. Diritti dei migranti, lotta alle discriminazioni di genere e libertà di stampa. Grande attenzione alla politica nazionale e internazionale, come ogni anno. I grandi nomi del giornalismo internazionale per 3 giorni animeranno Ferrara, trasformando la città in una vera e proprio newsroom mondiale.

Van Reybrouck, autore di “Congo”, il libro considerato il memoriale epico di un continente, sarà intervistato dal premio Strega, Nicola Lagioia. Poi Serena Dandini a dialogo con l’economista Andrea Baranes per far diventare accessibile anche ai “non addetti ai lavori” i temi e i termini più complessi della finanza internazionale. Un incontro dedicato all’ascesa della letteratura di fantascienza irachena, per raccontare come il paradosso letterario possa diventare strumento di denuncia e indagine della realtà.

A Ferrara, anche Serge Michel ,giornalista di Le Monde, Howard Waring French, giornalista del New York Times e autore del best seller “China’s second continent”; Nargis Nehan, fondatrice di Equality for peace and democracy a Kabul, Ong impegnata da anni nella lotta per la parità di genere e per i diritti dei più giovani, il giornalista afghano Mujib Mashal, la prima giornalista afroamericana a vincere il premio Pulitzer Isabel Wilkerson, il geografo premio Pulitzer per la saggistica Jared Diamond, autore del libro “Da te solo a tutto il mondo”.

E ancora: Alcibiades Hidalgo, ex ambasciatore di Cuba all’Onu; il fumettista Sam Wallman che ha raccontato le condizioni di lavoro nei centri di detenzione per richiedenti asilo in Australia; l’insegnante canadese Lizanne Foster che discuterà con Tullio De Mauro su come la scuola deve affrontare le sfide del XXI° secolo.

Anche quest’anno, sarà assegnato il premio “Anna Politkovskaja” per il giornalismo d’inchiesta giunto alla settima edizione. A esserne insignito, il blogger e attivista bangladese Asif Mohiuddin, distintosi per la sua attività di denuncia giornalistica, perseguitato e incarcerato dal governo per motivi religiosi e ora rifugiato in Germania.

E nell’anno di Expo, la manifestazione che ha messo al centro il dibattito su cibo e sostenibilità, a Internazionale a Ferrara non può mancare uno spazio di riflessione su questi temi. Il punto di osservazione è sempre cosmopolita e vedrà il confronto fra lo scrittore argentino Martin Caparros, autore di “La Fame”, un reportage duro e appassionato tra le povertà estreme e David Rieff, scrittore e saggista statunitense, esperto di diritti umani. Sull’alimentazione come cultura e sulla cucina come luogo capace di promuovere valori etici si baserà l’intervento di Alice Waters, ambasciatrice dell’alimentazione sana e ispiratrice della svolta salutista di Michelle Obama. Insieme a lei si parlerà di scuola come motore fondamentale per ripensare le nostre abitudini alimentariattraverso l’educazione delle nuove generazioni. Don Luigi Ciotti e Marisol Espinoza Cruz, vice presidente del Perù, discuteranno del diritto alla terra, sempre più minacciato dalla speculazione e dall’avvelenamento del suolo.

Sull’innovazione sostenibile interverrà anche Jepchumba, una delle venti giovani donne più influenti dell’Africa, artista digitale africana e ideatrice di Avirohealt. Racconterà il suo continente d’origine attraverso video, animazione, grafica e design.

Tornano i grandi documentari di Mondovisioni a cura di CineAgenzia e la rassegna di audio-documentari Mondoascolti a cura di Jonathan Zenti. Appuntamento con i film d’essay di Mondocinema, la rassegna di cinema d’autore, a cura di Francesco Boille. Non mancheranno workshop, incontri con i giornalisti di Internazionale per raccontare i dietro le quinte della rivista, presentazioni di libri e spazi dedicati ai più piccoli e un grande spettacolo serale sulle note scatenate di Paolo Fresu.

Prosegue l’impegno di Internazionale e della città di Ferrara per aprire il festival a quante più persone possibili. Alcuni degli incontri saranno tradotti nella lingua dei segni italiana (lis), per integrare e migliorare i servizi offerti alle persone con disabilità. Internazionale a Ferrara è un festival accessibile a tutti, senza barriere architettoniche.

Internazionale a Ferrara è promosso da Internazionale, Comune di Ferrara, Provincia di Ferrara, Università di Ferrara, Regione Emilia Romagna, Ferrara terra e acqua, Città Teatro, Arci Ferrara e Associazione IF.

Il Festival è reso possibile dalla collaborazione di Medici senza Frontiere, charity partner, e dalla rappresentanza della Commissione europea, grazie a Unipol Gruppo, Fondazione Unipolis, Assicoop, Vodafone Italia, con il sostegno di Alce Nero, Camera di Commercio di Ferrara, Centro Servizi Ortofrutticoli, CIR Food, Poste Assicura, Banca Etica, Cdp, LUISS, Terna e Sammontana.

Programma Internazionale a Ferrara 2015

Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it


Internazionale a Ferrara 2014: la passione per il racconto giornalistico

ottobre 16, 2014
Internazionale a Ferrara 2014: la passione per il racconto giornalistico

Internazionale a Ferrara 2014: la passione per il racconto giornalistico

L’ottava edizione di Internazionale a Ferrara, festival di giornalismo organizzato dal settimanale “Internazionale“, ha superato le 70.000 presenze tra il 3 e il 5 Ottobre.

Continua, dunque, il trend positivo in ascesa del festival: un aumento di pubblico pari al 12% rispetto all’anno precedente. Come sottolineato dall’ufficio stampa della manifestazione, il festival ha trasformato Ferrara nella “redazione più grande del mondo“.

Tra i tanti eventi che si sono succeduti, alcuni in contemporanea, nelle tante e suggestive locations della kermess giornalistica ospitata dalla bellissima città di Ferrara, alcuni hanno offerto ulteriori e significativi spunti sui quali riflettere in ordine alle tendenze del giornalismo di oggi e di quello che verrà.

Sicuramente, è il caso dell’interessante conferenza “Informazione sotto pressione. Il giornalismo tra etica e sostenibilità economica”, il cui dibattito è stato moderato da Tonia Mastrobuoni (La Stampa) e al quale hanno partecipato Anguel Beremliysky (addetto stampa della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea), Iñigo Domínguez (El Correo), Lee Marshall (corrispondente free lance britannico dall’Italia) e Eric Jozsef (Libération).

Durante il dibattito, è emerso che, in generale, le redazioni della carta stampata tendono sempre di più a fare a meno degli inviati all’estero e delle inchieste, a causa dei costi eccessivi. In particolare, Tonia Mastrobuoni ha sottolineato che “negli anni Novanta e all’inizio del Duemila, gli editori hanno dormito durante il boom di Internet e dell’informazione gratuita che circola in rete la quale, attendibile o meno che sia, ha comunque viziato i lettori“. Lo scenario è chiaro: ormai da anni, la crisi dell’editoria pone significativi interrogativi sul futuro del giornalismo fatto su carta stampata e risposte definibili come concrete tardano ad arrivare, salvo rare e sporadiche eccezioni.

“Quarant’anni e non sentirli” è stato il titolo dell’incontro con David Randall, veterano del giornalismo britannico (The Independent On Sunday), con gli studenti del Liceo Roiti e del Liceo Ariosto di Ferrara. Randall ha illustrato episodi salienti della sua lunga carriera, parlando di etica giornalistica, processi per la ricerca e il trattamento delle news. Grazie anche alla sua carica di grande simpatia, Randall ha letteralmente somministrato alla platea studentesca appassionata di giornalismo molti spunti sul come svolgere e non svolgere l’attività giornalistica: in particolare, in merito all’uso di immagini eccessive, al prediligere il lavoro sul campo a quello al desk, pur indispensabile. Alla domanda “Cosa pensa di Twitter come strumento giornalistico?” rivoltagli da uno studente, Randall ha risposto “Per un giornalista, Twitter è prevalentemente uno strumento di autopromozione“.

Tra le varie presentazioni di libri scritti da giornalisti, sicuramente la presentazione de “La guerra dentro” di Francesca Borri, reporter free lance, ha lasciato molte sensazioni profonde nel pubblico presente. Presentato da Luca Sofri, direttore de Il Post, l’incontro con l’autrice ha evidenziato i risvolti pratici, giornalistici e, soprattutto, umani di un’esperienza da reporter in zona di guerra: la Siria raccontata da Francesca Borri, dopo un periodo vissuto pericolosamente ad Aleppo, è il simbolo di un racconto giornalistico votato alla rappresentazione di ciò che realmente significa il termine “guerra” per quella parte dell’umanità che la vive sulla propria pelle.

Durante tutti gli incontri di Internazionale a Ferrara 2014, si è avuta una duplice conferma: nonostante i complessi cambiamenti indotti da Internet, la critica fase congiuntura dell’economia e gli ostacoli che vengono apposti (di tanto in tanto…) dai nemici della libertà di informazione, la passione per il racconto giornalistico resiste e lo si è visto, in particolare, grazie anche ai tantissimi giovani che hanno affollato e movimentato tutte le giornate del festival.

Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it

_______________________
Il presente articolo è pubblicato, in versione inglese, anche su NewsGetting (blog britannico di giornalismo):
“Internazionale A Ferrara 2014: The Passion For The Journalistic Narrative”
http://newsgetting.wordpress.com/2014/10/20/internazionale-a-ferrara-2014-the-passion-for-the-journalistic-narrative/
_______________________

Informazione e temi economici: basta urla

aprile 28, 2014
Informazione e temi economici: basta urla

Informazione e temi economici: basta urla

Ormai, è un dato di fatto: sempre più cittadini, analisti e giornalisti discutono di questioni economiche ricorrendo a toni duri e polemici.
Personalmente, non credo che ciò rappresenti un aspetto positivo per la forte esigenza di chiarezza che dovrebbe sempre caratterizzare un Sistema Paese degno di questo nome, in cui gli operatori economici (imprese e professionisti) e la forza lavoro (dipendenti , naturalmente, ma anche i cosiddetti lavoratori atipici) sono chiamati ad agire e a investire le loro energie in un determinato settore piuttosto che in un altro.
Le domande e gli argomenti di discussione sono tanti…
La ripresa economica arriva o non arriva?
Quali sono gli effetti reali delle tendenze finanziarie per lo sviluppo degli scambi azionari di tutto il mondo?
Nel nostro Paese, di quanto è aumentato il livello dei prezzi e qual è la reale entità dell’inflazione?
Davvero, come urlano alcuni, sarebbe meglio uscire dall’area della moneta unica europea?
Quali sono le prospettive per la nostra economia e quali misure sono effettivamente praticabili per sostenerne ripresa e sviluppo?
I mezzi di informazione (televisione e non solo) ci hanno abituato da tempo a includere diverse voci e opinioni diverse, ma che, non di rado, tendono a diventare rivendicazioni e accuse reciproche gridate a squarciagola: provate a pensare allo scontro frequente tra gli economisti del Governo di turno con quelli dell’opposizione parlamentare (e viceversa) .
Provate a pensare a notizie e commenti quasi diametralmente opposti che fanno la loro comparsa sulle pagine dei giornali: ci sono quelli che minimizzano i problemi e ci sono quelli che li drammatizzano.
Diciamo la verità: almeno sui temi legati all’economia e al lavoro, spesso, vorremmo essere cittadini di un Paese più maturo e più pragmatico e, tra l’altro, più vicino ai reali interessi comuni.
Come giornalisti, noi tutti dovremmo sempre lavorare per basare le nostre analisi sui dati, sui fatti, sulle tendenze reali, su ciò che è realmente e non su ciò che vorremmo.
In altre parole, chi vuole davvero impegnarsi nel dibattito economico e nell’informazione economica al fine di offrire un contributo razionale e non di parte dovrebbe sempre essere non soltanto rispettato, ma essere anche il benvenuto, ma, allo stesso tempo, chi (e si ha l’impressione che non si tratti di casi isolati) vuole discutere fornendo un’informazione parziale e soltanto subordinata a particolari interessi di scuderia, dovrebbe optare per la più dignitosa e appropriata delle scelte possibili: il silenzio.

Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it

 


Internazionale a Ferrara: giornalismo e new media a confronto

ottobre 16, 2012

Internazionale a Ferrara: giornalismo e new media a confronto

Un’occasione densa di spunti culturali e professionali, di riflessioni sul complesso mondo dei mass media, di incontri con giornalisti provenienti da tutti i continenti: è quanto si è respirato durante le giornate della sesta edizione di Internazionale a Ferrara, il festival di giornalismo organizzato dal settimanale Internazionale.
Numerose ed estremamente qualficate le testimonianze che si sono succedute nei vari palchi del festival ferrarese: si è parlato e ci si è confrontati sul vissuto dei nuovi media, dei social networks, dell’approdo sempre più massiccio al web da parte di testate particolarmente prestigiose e, ovviamente, di libertà di informazione.
Non sono mancati approfondimenti relativi alla complessa fase congiunturale dell’economia globale e, nello specifico, di ciò che è accaduto e che sta accadendo sul versante dei mercati finanziari, tra bolle speculative e utilizzo disinvolto delle risorse finanziarie da parte di non pochi operatori borsistici e bancari.
In merito, particolarmente ricca di significati è risultata la testimonianza di Shawn Carrié, membro del movimento di contestazione pacifica “Occupy Wall Street“, che ha illustrato quanto, anche e soprattutto nella società statunitense, certi comportamenti  all’insegna di reiterati abusi da parte del capitalismo finanziario siano sfociati in inique e impattanti conseguenze sull’intero tessuto sociale: una tematica complessa da approfondire e non soltanto da chi, come giornalista, si occupa soltanto di questioni economiche, ma anche di questioni sociali.
Al di là della lunga serie di nomi e di testate presenti che hanno dato vita a una kermesse informativa senza sosta per tre giorni e riportati nel dettaglio sul sito web della rivista Internazionale, chi ha assistito e partecipato ai vari eventi del festival non può non aver notato, tra i tanti, almeno tre aspetti prevalenti in termini di scenario raccontati dal mondo giornalistico attuale e strettamente collegati tra essi: i social networks, le evoluzioni del mondo finanziario e la cosiddetta Primavera Araba.
I social networks, Twitter e Facebook, vivono una fase di intenso sviluppo e di crescente importanza anche nel mondo dell’informazione.
Twitter, in particolare, ha aperto un nuovo canale di comunicazione in tempo reale: non sono pochi, anzi, sono ormai molti i casi in cui determinate hot news sono arrivate all’attenzione delle redazioni di tutto il mondo grazie ai post scritti e immessi on line da chi si è trovato ad assistere a eventi di pubblico interesse.
Pensiamo ai principali momenti della Primavera Araba, il movimento dei giovani arabi scesi in strada, a rischio della propria incolumità fisica, per reclamare i propri diritti civili e politici: è provenendo da Twitter che le daily news si sono fatte avanti fino a giungere sulle pagine delle testate di tutto il mondo e ciò, non di rado, battendo sul tempo anche l’indispensabile apporto delle agenzie di stampa tradizionali.
Per quanto riguarda il difficile momento economico e finanziario che si respira non solo a livello italiano, ma anche in ambito internazionale, compito e dovere di chi si occupa di informazione è sempre più l’andare in profondità nel raccontare una notizia relativa a un fatto, a uno scenario e al conseguente clima sociale.
Il modo di raccontare la notizia, in questo ambito, oltre ad assumere il carattere del necessario approfondimento, deve consentire un’agevole fruizione da parte di tutte le tipologie di lettori e non deve limitarsi a un target di lettori esperti in materia.
Da garantire, quindi, non è soltanto la libertà di informazione, ma anche la libertà di lettura e di comprensione delle notizie.
Tante sono le immagini che restano del festival: le analisi dedicate a Twitter da David Randall (Independent on Sunday), la testimonianza di Don Luigi Ciotti (Libera) relativa all’esperienza delle cooperative sui terreni confiscati alla criminalità organizzata, l’illustrazione sarcastica e dettagliata dei fatti del giorno tramite rassegna stampa quotidiana a cura di Luca Sofri e del suo staff di redazione (Il Post), oltre a tanti altri momenti, alcuni, tra l’altro, anche non direttamente inseriti nel programma del festival, ma avvenuti in contemporanea con esso, quale la bellissima e suggestiva mostra pittorica dell’artista mozambicano Malè, “L’universo in una goccia“, tenutasi presso il Palazzo della Racchetta e organizzata con entusiasmo dal Gruppo Zuzuma.
Internazionale a Ferrara rappresenta un evento di incontro con il mondo dei media, ma anche molto altro: il gusto per la comunicazione, per la cultura, per il racconto e, senza dubbio, per l’informazione.
Infine, una particolare annotazione del tutto personale: durante i giorni del festival, si è avuta la netta sensazione di essere in un Paese diverso, dove il racconto, il confronto e lo scambio di esperienze professionali, culturali e umane, congiuntamente al desiderio di comprendere maggiormente in profondità ciò che accade nella società contemporanea, diventano un vero e proprio valore aggiunto, oltre a un concreto momento di formazione individuale.
Al di là degli stereotipi, Internazionale a Ferrara è stato ed è tutto questo.
Immagini del festival:
Internazionale a Ferrara 2012 visto da PressWeb
Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it

Amarcord editoriale: i tempi di Aziendenews.it

dicembre 2, 2010
Sono passati parecchi anni, ormai, da quando ricoprivo l’incarico di direttore editoriale (2001-2003) nel portale di informazione aziendale ed economica Aziendenews.it, ma, nonostante ciò, a distanza di così tanto tempo, capita ancora di ricevere e-mail, telefonate e news da diversi soggetti conosciuti proprio in virtù di quell’esperienza: imprenditori, manager, consulenti, esperti di comunicazione e di marketing, associazioni e via dicendo, per non parlare dei tanti allora studenti universitari, oggi tutti laureati. La cosa non può che farmi piacere e l’aspetto che ricordo con maggiore interesse risiede proprio nell’attenzione che, in parecchi e qualificati soggetti, quel portale fu capace di suscitare. Ricordo che, nel corso di quel periodo e mese dopo mese, restavo sempre più sorpreso dal numero crescente di e-mail che arrivavano alla mia casella e-mail di allora: ben 540, di cui oltre 100 anche dopo la fine del mio incarico. Purtroppo, di quelle tantissime e gradite e-mail ho perso ogni appunto, ma ne ricordo i nomi di parecchi mittenti: Giuseppe, Francesca, Mauro, Alessia, Giuliano, Anastasia, Antonio, Camilla, Andrea, Luca, Chiara, Paolo, Veronica, Giulia, Aldo, Cristina etc. etc. etc.
A tutti quei mittenti e a diversi lettori di allora che ancora oggi sono in contatto con il sottoscritto, dedico questo ricordo: in fondo, è proprio anche a ognuno di loro e al loro feed-back che devo una buona dose di riconoscenza per avermi permesso di entrare con maggior cognizione di causa nel loro vissuto pratico di ogni giorno in relazione a tante tematiche dell’economia, del mondo aziendale, della comunicazione e della formazione.
Confesso che, diversi mesi fa, avevo promesso a un gruppo di fedelissimi lettori dell’allora Aziendenews.it (e, oggi, di PressWeb), di parlare proprio su questo blog di “quei tempi”: un omaggio e un amarcord editoriale, la cui promessa è ora mantenuta.
Di cosa trattava Aziendenews.it?
Marketing, export, organizzazione aziendale, formazione, comunicazione, trend economici, interviste a esperti, certo, ma non solo: venivano affrontati anche fatti attinenti all’attualità di allora (ricordo i miei editoriali sulla tragedia dell’11 Settembre 2001, sui venti di guerra in Iraq, sull’arrivo dell’Euro, sulle tensioni nel mondo del lavoro, su certi pseudoconsulenti incapaci, sullo scandalo delle lauree comprate e su tanti altri argomenti).
Partecipava alla redazione di Aziendenews.it un buon gruppo di collaboratori, motivati, sinceramente interessati sia alle tematiche trattate dal portale che alla scrittura.
Il feed-back positivo di molti lettori fu e resta la prova “vivente” che se un giornale on line, giorno per giorno, viene costruito e gestito con vera passione, legandolo sempre sia alle reali necessità dei propri target di riferimento e sia a tematiche di stretta attualità, i risultati non tardano ad arrivare.
Non fu certo un caso che, ma qui entro nella mia sfera professionale privata, a distanza di qualche anno dal mio incarico, quando il portale (seppur non più aggiornato dall’editore) era ancora on line (non lo è più da almeno un paio di anni, forse anche di più), mi furono proposti da una casa editrice e da una testata giornalistica settoriale la stesura di alcuni libri e la cura di alcune rubriche mensili: tutto nacque dalla lettura dei contenuti su Aziendenews.it e ciò fu un’ulteriore conferma della validità di quell’esperienza editoriale.
E non è certo un caso ciò che, di recente, mi è stato segnalato da un collega giornalista: un noto ente pubblico di ricerca, l’Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori (ISFOL), non molto tempo fa, ha realizzato e pubblicato on line sul proprio sito web un apposito studio sull’area occupazionale commerciale e marketing (“Orienta on line”) in cui sono citati molti articoli pubblicati su Aziendenews.it, in modo scrupoloso e corretto.
Per il download dello Studio ISFOL con citazioni Aziendenews:
ISFOL_Studio di area
Ai lettori dell’allora Aziendenews.it, un caro saluto.
Marco Mancinelli
PressWeB Editor

pressweb@teletu.it

Terziario Avanzato tra esperti e pupazzi. Aneddoti per sorridere…

settembre 5, 2006

Terziario Avanzato tra esperti e pupazzi. Aneddoti per sorridere

Come i colleghi del marketing e della comunicazione sanno bene, il settore dei servizi rappresenta un mondo complesso. Si tratta di un mix di idee, innovazioni, intuizioni, procedure e creatività che stanno alla base del cosiddetto business development. Il mondo professionale di chi presta la propria attività intellettuale, interno o esterno alle aziende, è un ambiente variegato e denso di uomini e donne che, giorno dopo giorno, contribuiscono ad elaborare ed a gestire progetti finalizzati allo sviluppo di diversi settori business. Dal confronto e dall’interscambio di esperienze, per non dire dalla collaborazione diretta, si possono agevolmente ricavare gli scenari di know-how e di professionalità che caratterizzano un determinato settore. L’esperienza insegna che, anche nel nostro Paese, è impegnata una cospicua schiera di valenti professionisti che aggiungono un valore concreto ai progetti che gli vengono affidati: per sviluppare un nuovo servizio, per promuovere un prodotto, per sostenere l’immagine aziendale, per fidelizzare al meglio clienti e collaboratori. Il sottoscritto ha sempre sostenuto che, spesso, pur riconoscendo l’importanza degli studi universitari, risulta molto più formativo lavorare in un team composto da professionalità di rilievo (e non per questo esposte alla luce dei riflettori), perché ciò non può che ingenerare un processo formativo personale che, con gli anni, accresce le proprie capacità professionali e relazionali. Detto questo, però, non è tutto oro quello che luccica. All’interno della miriade di veri professionisti, qualche eccezione bizzarra (non così rara, ma, per fortuna, non così diffusa) non manca. Gli aneddoti che qui riporto, con l’augurio di strappare un sorriso ai colleghi, riguardano alcuni “personaggi” impegnati nel settore dei servizi alle imprese, “personaggi” che, in maniera reiterata, si sono fatti notare nei rispettivi ambienti di lavoro per alcune esternazioni alquanto singolari, direttamente o indirettamente riconducibili alle tematiche, rispettivamente, del marketing, delle pubbliche relazioni e del project management.

L’esperto(?) di marketing… parlando della sua intenzione di fare marketing and promotion per commercializzare prodotti alimentari tipici del Made in Italy, un “personaggio” illustrò la sua idea di far consorziare almeno dieci produttori di mozzarella di bufala. Alla domanda: “Perché vuoi farli consorziare per esportare lo stesso identico prodotto?”, lui rispose: “Perché se un importatore estero non mi vuole comprare la mozzarella di uno dei produttori, magari è interessato alla mozzarella di un altro”. All’ulteriore domanda: “Ma ci sono differenze qualitative tra le mozzarelle dei produttori che vuoi far consorziare?”, lui ripose: “No, sono uguali, ma per attirare il cliente posso giocare sul fatto che un tipo di mozzarella viene prodotta con il latte di una bufala che pascola a un’altitudine maggiore. È un plus, un concetto di marketing, no?”.
Morale: il marketing non sarà una scienza esatta, ma…?

L’esperto(?) di pubbliche relazioni… nel corso dei preparativi necessari per una imminente riunione fissata per il primo pomeriggio con una valida incaricata di una struttura esterna con la quale si stava sviluppando un lavoro in sinergia e che stava arrivando a Milano dopo un viaggio in treno di diverse ore, un “personaggio”, saputo che un suo collega di progetto sarebbe andato ad accogliere l’ospite e pranzarci insieme, disse: “Ma non ci stare troppo, anzi, il meno possibile, altrimenti gli diamo troppa importanza e chissà dopo chi si crede di essere”.
Morale: come rafforzare lo spirito di squadra…?

L’esperto(?) di project management… disquisendo di un progetto in corso, durante una riunione, un “personaggio” illustrava come, a suo “modesto” parere, occorreva impostare il work in progress. Sedutosi davanti al suo pc, prese in mano il mouse e, con aria molto seria e solenne (anche un po’ altezzosa), iniziò a fare un po’ di click qua e là; poi, disse: “Vedi, tasto destra del mouse, apro una nuova cartella, la nomino con una sigla, per esempio S.A.L., cioè Stato Avanzamento Lavori, poi, ci copio dentro la prima tranche dei files che mi servono…poi, tasto destra del mouse, apro una nuova cartella, la nomino con un’altra sigla, ci copio dentro la seconda tranche dei files che mi servono…ecco, questo è un lavoro preciso di project management, vedi?”.
Morale: la realtà di certi progetti supera la fantasia o…?

Qualche collega potrebbe dire: “Ma guarda questi…che soggetti! Vade retro!“. Reazione comprensibile, anche perché si tratta di “personaggi” improvvisatori e pasticcioni, per usare una frase fortemente votata all’eufemismo, ma vi immaginate un settore come il nostro, marketing and communication, senza la benché minima presenza di questi “eccelsi protagonisti”? Qualcuno ci dovrà pur essere per farci sbellicare dalle risate e, soprattutto, per essere utilizzato come esempio al contrario da offrire all’attenzione dei colleghi più giovani, no?
E adesso? Tasto destro del mouse, creiamo una nuova cartella, la nominiamo “bufala” e andiamo ad accogliere il collega che viene da fuori, ma dedichiamogli al massimo tre minuti, eh?…

Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it