Giornalismo aumentato e in evoluzione

Il libro scritto da Giorgio Triani, “Giornalismo aumentato. Attualità e scenari di una professione in rivoluzione”, mette in risalto lo scenario del giornalismo e dell’informazione contemporanei, sempre più sottoposti a profondi mutamenti. Infatti, sembra sempre più raro il giornalismo degli inviati speciali, dei fotoreporter, del microfono in mano e la telecamere in spalla. Delle corse sui luoghi degli eventi per essere i primi sulla notizia. Al suo posto, una schiera di giornalisti e di comunicatori di nuovissima generazione: sono gli infocitizen, i bloggers, youtubers, stotytellers, social reporters. Si tratta di figure ibride, così come lo è l’intero ecosistema dell’informazione.

I modelli di produzione e distribuzione non sono più le aziende editoriali classiche, le redazioni contigue alle tipografie, le edicole, i grandi studi radio-televisivi centralizzati. È invece il web che ha progressivamente disintermediato i media tradizionali e ridotto il valore delle notizie, dunque, del giornalismo come professione in sé. Le news on line sono commodities: girano libere e, rimbalzando da un sito all’altro, da un blog a un aggregatore di news, sono non di rado fuori controllo. E le fake news sono il malefico sottoprodotto dell’informazione al tempo dei social network e della post-verità.

È un giornalismo aumentato quello che vede imporsi nuovi modelli in cui scrivere e pubblicare sono un unico gesto. L’acceso agli archivi, alle agenzie, agli eventi in corso e ai dati è istantaneo. La visualizzazione, i video, le immagini sono la nuova narrazione. Insomma, la professione si disperde nei nuovi ambiti dello storytelling, del brand reporting e del data journalism. Un giornalismo ubiquo, forse 3.0 o, addirittura, 4.0, che permette di essere ovunque e in tempo reale, senza però esserci fisicamente. Giornalisti e comunicatori sono prossimi o già entrati nell’era dell’extra media.

Questo libro corale, edito da Franco Angeli, raccoglie la sfida di mostrare i vari aspetti di questa rivoluzione, fornendo uno strumento di scenario e di orientamento, utile per gli studenti dei corsi di laurea in comunicazione e delle scuole di giornalismo, ma anche per i professionisti e per tutti i creatori e fruitori di informazione.

Ma, soprattutto, è l’ennesima e importante conferma che la professione giornalistica vive una fase di vera e propria rivoluzione permanente.

Marco Mancinelli
PressWeb Editor
pressweb@teletu.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: